PARROCCHIA  DI   SAN GIROLAMO

DIOCESI DI RIMINI

ultimo aggiornamento: 26 maggio 2018

in parrocchia:

PAPA FRANCESCO: GAUDETE ET EXSULTATE

In questo mese di Maggio ci proponiamo la lettura dell'Esortazione apostolica di Papa Francesco sulla chiamata alla santità nel mondo contemporaneo, MERCOLEDÌ 30 MAGGIO, alle 21 nella Casa parrocchiale, ci confronteremo a partire dalla lettura e dall'esperienza personale di ciascuno. Questo ritrovo sarà aperto a tutti, compresi coloro che non sono riusciti a partecipare all'incontro di presentazione e non saranno riusciti a leggere il testo.

40° PELLEGRINAGGIO A PIEDI DA MACERATA A LORETO

Sabato 9 giugno si svolgerà il 40° Pellegrinaggio a piedi da Macerata a Loreto, con partenza dallo stadio di Macerata (ore 20.30 Santa Messa presieduta dal Card. Beniamino Stella, di seguito inizio del cammino) e con arrivo alle 6.30 a Loreto. E' necessario iscriversi al più presto contattando don Roberto (quota € 30).


CAMPEGGIO ESTIVO PER BAMBINI E RAGAZZI

La Parrocchia propone un campeggio estivo per bambini e ragazzi (dalla 4a elementare alla 1a media) dal 28 giugno al 1 luglio a CANCELLINO (PASSO DEI MANDRIOLI), quota € 80.

CORPUS DOMINI

GIOVEDì 31 MAGGIO 

ORE 20:30 - CHIESA DI SANT'AGOSTINo: SOLENNE CONCELEBRAzione eucaristicaPRESIEDUTA DAL VESCOVO

ORE 21:15 PROCESSIONE FINO ALL'ARCO DI AUGUSTO

ore 22:00 conclusione con discorso del vescovo, adorazione  e benedizione eucaristica



papa francesco:

"Una Chiesa con Gesù Cristo incarnato"

L'individualismo che provoca frantumazione, la coscienza isolata, autoreferenziale, è sempre un “guardarsi l’ombelico”. Quelle persone che guardano sé stesse e cercano – questo è un pericolo grande – il menù personale: non quello di cui ho bisogno, quello che mi indica il medico, no, ma quello che mi piace. Oppure cercano novità. Quelli che cercano le novità, ansia di novità. Parlo di cristiani bravi, che vogliono darsi da fare ma sentono di quello, di quello, di quello… le novità… Uno che cerca le novità ha bisogno di qualche voce realista che dica: “Ma guarda, fermati. Fermati e va’ all’essenziale. Cerca quello che può guarirti, non le novità, una dietro l’altra”. Ho due aneddoti che possono servire, ambedue sugli esercizi spirituali. Uno è il fatto che è venuta la moda, alcuni anni fa, a Buenos Aires, di fare la prima settimana degli esercizi [ignaziani], quella della conoscenza di sé, dei peccati, del pentimento, con tecniche psicologiche un po’ orientalistiche, strane…; e c’era gente che andava verso quelle novità, e non servivano a niente, perché trovavano le novità ma loro non cambiavano. [...] Queste novità si “sciolgono” soltanto con una buona dose di realismo [...] C’erano degli esercizi per religiose e il prete che dava gli esercizi era una persona che aveva una dottrina speciale sulla spiritualità [...] E c’era una suora – sui 60 anni – che da 40 anni era in ospedale, una spagnola, di quelle brave. [...] Questo sacerdote aveva un metodo orientalistico per fare gli esercizi; per esempio, consigliava alle suore: “Al mattino, la prima cosa che dovete fare è un bagno, una doccia vitale”, tutte cose un po’ strane… Ha fatto sedere le suore in cerchio, una ventina di suore, e ha cominciato a dire: “rilassati, lasciati andare…”. Quella suora spagnola mandava giù… Ma dopo la seconda meditazione si è alzata e ha detto: “Padre, io sono venuta a fare gli esercizi, non la ginnastica. Grazie tante e arrivederci”, e se n’è andata. A volte, ci vuole gente che ci dia uno schiaffo, quando stiamo cercando le novità: cercare la panna senza la torta. Dobbiamo cercare quello che ci rende Chiesa, il nutrimento che ci fa crescere come Chiesa. E il pericolo in questo caso è uno dei due che ho segnalato nella Esortazione sulla santità: lo gnosticismo, che ti fa ricercare cose ma senza incarnazione, senza entrare nella vita tua incarnata. [...] E la diocesi [...] ricade in quella descrizione di una Chiesa gnostica: “Un Dio senza Cristo, un Cristo senza Chiesa, una Chiesa senza popolo”. E quando c’è la Chiesa senza popolo, ci sono questi servizi liturgici forse molto squisiti ma senza forza: non c’è il popolo di Dio. [...] La pietà del popolo di Dio, incarnata così, è il “sistema immunitario” della Chiesa. [...] “Come possiamo andare oltre le appartenenze esclusive e rassicuranti del nostro gruppo?”. Bisogna sempre esaminare questo aspetto: “Io vado con il popolo di Dio? Migliorando, certo, ma sempre voglio un popolo con la Chiesa, una Chiesa con Gesù Cristo incarnato, un Gesù Cristo con Dio?”. Cioè il cammino inverso. E’ l’unico modo: la comunità ci guarisce, la spiritualità comunitaria ci guarisce. (Papa Francesco alla Diocesi di Roma, 14 maggio 2018)


notizie:

CENA CON I PARTECIPANTI AL CORSO DI CUCINA

Da ottobre a maggio ogni lunedì sera, nella Casa parrocchiale, si è tenuto un corso di cucina guidato da Cristina.
Martedì 15 maggio i partecipanti si sono ritrovati per la cena conclusiva.

PRIMA COMUNIONE E CRESIMA

Domenica 13 maggio è stata celebrata la Santa Messa con il conferimento della CRESIMA ai ragazzi che hanno completato il cammino dell’Iniziazione Cristiana ricevendo il Sacramento dell’EUCARESTIA per la prima volta.
Un gesto vissuto da mi ragazzi, dalle loro famiglie e da tutta la Comunità con grande intensità.

"INCORAGGIATE AD APPREZZARE LA MISSIONE CORPO A CORPO CASUALE"

Papa Francesco al forum di Azione Cattolica

LE TRASMISSIONI DI TV2000 SULLA PARROCCHIA SAN GIROLAMO

 

 

 

 

venerabile SANDRA SABATTINI: "io scelgo te, signore, e basta!"

(n.19.08.1961 - m.02.05.1984) - Giovane ragazza dell'Associazione Papa Giovanni XXIII, vissuta con la sua famiglia nella nostra parrocchia.

link utili

 

PER SUGGERIMENTI, O CORREZIONI; OPPURE SE DESIDERI CONSULTARE ASPETTI DI VITA PARROCCHIALE CHE ATTUALMENTE NON SONO PUBBLICATI,   SCRIVI A :   sangirolamo.oratorio@gmail.com

© Copyright san Girolamo